arg

Per la rubrica “Nuove Leve”  ci spostiamo in America Latina e più precisamente in Argentina.

Da questa terra meravigliosa iniziamo oggi il nostro viaggio evidenziando alcuni  giovani  profili estremamente interessanti ed ancora poco conosciuti agli addetti ai lavori del vecchio continente.

Partiamo dal difensore del Velez Sarsfield, Emiliano Amor, classe ’95, grandissima struttura fisica (con i suoi 186 centimetri), bravo nel gioco aereo, ha già realizzato due reti nella massima serie argentina. Abile nella marcatura stretta, sa leggere con anticipo le complicate situazioni di gioco, uscendo sempre in maniera elegante palla al piede.

Emiliano Rigoni, centrocampista di destra, classe ’93, attualmente in forza al Belgrano de Cordoba. Anche lui dotato di ottima struttura fisica. Bravo nel tiro da fuori ma anche negli inserimenti in area di rigore poiché abile nello sfruttare il classico movimento ad uscire delle punte.

Altro giovane centrocampista da evidenziare è sicuramente Ramiro Carrera, classe ’93, attualmente giocatore dell’ Arsenal De Sarandi. Dotato di un ottimo piede destro può giocare sia da interno di destra che davanti alla difesa. Grande corsa e cattiveria agonistica ne fanno un baluardo davvero insormontabile. Non disdegna però sortite offensive nelle quali evidenzia un ottimo score realizzativo, frutto di un buon calcio verso la porta.

In posizione offensiva segnaliamo Franco Cervi del Rosario Central, classe ’94, brevilineo e mancino attualmente impiegato come esterno di fascia prevalentemente sull’out di destra. Dal dribbling fulminante e dotato di grande velocità, riesce a saltare gli avversari con estrema facilità, dimostrando di avere notevole freddezza sotto la porta.

Citiamo infine Roger Martinez, classe ’94, di proprietà del Racing Avellaneda, ma attualmente in prestito al Club Atletico Aldovisi. Colombiano, di ruolo seconda punta, predilige molto muoversi attorno all’attaccante centrale con buona qualità, velocità e tecnica. Bravo nel fornire assist al compagno di reparto ma anche a concludere l’azione personalmente.

Fonte – Redazione AGFsport